Le ricette della tradizione siciliana sono famose in tutto il mondo per il loro gusto inconfondibile, dalle dorate Arancine fino alla sontuosa Cassata. Attraverso queste delizie si possono scoprire angoli meravigliosi dell’isola, e tra queste preparazioni tipiche che vengono da sempre tramandate da madre in figlia, compare anche la Caponata  L’ingrediente principale di questo piatto è la melanzana, amata dal popolo per i suoi ricchi nutrienti ed il sapore facilmente abbinabile. Ma qui è doveroso parlarvi di un altro aspetto comune in molte ricette siciliane: il gusto agrodolce, utilizzato fin dall’antichità per la conservazione per più giorni di alcune preparazioni tra cui proprio la caponata di melanzane.

Molti la servono come antipasto, altri come contorno ma la verità è che la caponata ci sta sempre!
Vogliamo portarvi con noi in Sicilia per scoprire i 5 luoghi dove mangiare la migliore caponata a Palermo, ognuno con i suoi ingredienti, ognuno con la sua tradizione ma tutti straordinariamente da provare.

Dove mangiare la Caponata a Palermo (secondo noi)

Antica Focacceria San Francesco

focacceria san francesco palermo

Fonte immagine: caponata focacceria: anticafocacceria.it

Passeggiando tra i palazzi vecchi di Palermo è impossibile non rimanere colpiti dall’estetica dell’Antica Focacceria San Francesco, arredo dell’800 curato in ogni dettaglio. La fila delle persone ferme ad aspettare il proprio turno è sempre molta, infatti oltre al classico street food è possibile anche pranzare o cenare seduti nel locale. La riuscita di tutte le preparazioni di questo locale è dovuta all’amore per le materie prime siciliane, gli ingredienti che vengono utilizzati per ogni ricetta tipica sono selezionati accuratamente. Veniamo alla nostra caponata, l’abbiamo trovata più volte nel menù, in una ciotolina tra gli infiniti antipasti e come accompagnamento per il secondo piatto, eppure era sempre perfetta. Le melanzane croccanti fuori e morbide dentro erano divise in quadratini tutti delle stesse dimensioni e fritte nel migliore dei modi. Fredda, come vuole la tradizione e con delle scaglie di mandorle, per un tocco innovativo. L’amore per la Sicilia e le sue tradizioni qui arriva direttamente al palato.

Trattoria ai Cascinari

Chiunque a Palermo conosce la Trattoria ai Cascinari e chiunque la consiglia per provare i piatti della tradizione siciliana. Una piccola trattoria frequentata da palermitani e un po’ nascosta nei vicoli della città. Arredamento semplice e cibo cucinato come lo farebbe una nonna per i propri nipoti.

La caponata fa parte degli antipasti misti che vengono serviti per iniziare a deliziare il palato, insieme alle fantastiche polpette di melanzane e le imbattibili panelle. Il sugo della caponata è denso ed ogni ingrediente al suo interno si percepisce distintamente: la freschezza del sedano, la dolcezza della cipolla e la spinta delle olive. L’unico lato negativo è che questa caponata crea dipendenza, una volta assaggiata vorreste tornare qui ogni giorno della settimana.

Ferro di Cavallo

ferro di cavallo palermo

Fonte immagine: ferrodicavallopalermo.it

Una piccola osteria rustica nelle vie del vecchio centro storico di Palermo, vicino alla Vucciria, dove poter assaggiare appetitose pietanze della tradizione. Tutti i turisti durante il loro giro per la città fanno tappa alla Trattoria Ferro di Cavallo per capire di che “stoffa” è fatta la cucina locale. L’odore che arriva dalla cucina è irresistibile e scegliere se provare carne o pesce è quasi impossibile, per questo, lasciamo alla caponata il compito di aprire le danze: la salsa è densa ed in bocca resta subito il sapore vivace dei capperi, piccoli gioielli siciliani. Mentre siamo intenti a capire qual è la differenza sostanziale tra questa e le altre caponate che abbiamo provato ci viene svelato il segreto: i dadini di sedano vengono fritti proprio come le melanzane e poi uniti alla preparazione. La sontuosità di questa caponata sta anche nel fatto che viene servita nella terracotta, un materiale naturale che lascia intatto il sapore dei cibi. La bellezza di Palermo la si può ritrovare anche nel profumo delle melanzane fritte, nei pezzettini ben disposti di olive e nell’aroma delle foglie di basilico.

Al Fondaco del Conte

Nel cuore di Palermo a pochi passi dal mercato di Ballarò troverete questo piccolo tesoro, un luogo incantato, in cui si respira aria di casa e profumi inebrianti di cibo. Il Fondaco è un locale a conduzione famigliare, dove è impossibile non sentirsi coccolati. I piatti serviti vengono spiegati ingrediente per ingrediente ed è proprio da lì che inizia il piacere del gusto. Si mangia prima con gli occhi, poi con le orecchie ed infine con la bocca.

Tra una ricetta spiegata ed un calice di buon vino si arriva a parlare anche di Palermo, attraverso racconti di chi la ama e la vive quotidianamente. La tradizione qui viene unita alla fantasia, i passaggi delle ricette vengono rispettati rigorosamente ma si percepisce anche l’originalità. Tutte le presentazioni sono essenziali, anche la caponata viene coppata alla perfezione ed accompagnata da triangoli di panelle. Si può scegliere anche la versione con il pesce spada, un’idea intrigante che ci fa subito sobbalzare dalla sedia. Ogni boccone di questa caponata ci fa tornare in mente lo splendore delle estati siciliane, dei pranzi in famiglia e delle nuotate al mare. Perché qui si possono ascoltare racconti attraverso le parole e poi…racconti attraverso il cibo.

caponata fondaco palermo

Fonte immagine: alfondacodelconte.it

Osteria lo Bianco

Se il vostro unico scopo è quello di assaporare la vera cucina palermitana senza alcun fronzolo siete nel posto giusto. Non aspettatevi tovaglie merlettate e mini porzioni, all’Osteria lo Bianco non si assaggia.. si mangia! Il servizio è rapido, i piatti viaggiano alla velocità della luce senza essere spiegati. Una tipica osteria facilmente raggiungibile dal centro di Palermo in cui troverete gente del luogo a mangiare al tavolo accanto al vostro. La freschezza delle materie prime è ineccepibile e ogni ingrediente viene curato e cucinato come vuole la tradizione. Per una pausa pranzo “leggera” (si fa per dire) si possono scegliere tre menù a prezzi contenuti. La caponata viene servita come antipasto, una porzione abbondante cosparsa di prezzemolo, più asciutta ma ugualmente golosa. L’equilibrio tra il dolce e il salato è perfetto, un gusto agrodolce che neanche i migliori chef riuscirebbero a replicare. Purtroppo il segreto del sapore così unico non ci è stato svelato ma ci ha fatto dimenticare l’affollamento di gente.

Vi immaginiamo mentre presi dalla fame prenotate il vostro prossimo viaggio in Sicilia, quindi oltre alla caponata vi suggeriamo anche i 5 posti dove mangiare la migliore granita a Messina. Ora che avete tutte le coordinate giuste per un viaggio di gusto, che aspettate a partire?

Elisabetta Pacifici

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Elisabetta Pacifici

Elisabetta è nata a Roma, dove vive e lavora. Per Il Giornale del Cibo si occupa di cultura, cibo, cinema e curiosità. Il suo piatto preferito è il risotto, perché si può fare in moltissimi modi e non annoia mai. In cucina non posso mancare le erbe e le spezie, perché sono il tocco in più che rende unica qualsiasi preparazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata