Quante volte vi è capitato di sprecare un ingrediente, o quanto rimasto, dopo averci preparato una ricetta, perché non eravate a conoscenza del miglior modo per conservarlo? Oppure avete dovuto buttare dei biscotti o l’ultimo pezzo di una torta perché dopo qualche giorno erano andati a male? Magari vi siete ritrovati con la cucina o il frigo invasi dal cattivo odore o, peggio ancora, la vostra farina e la pasta in dispensa “conditi” con ospiti indesiderati? Per tutti (o quasi) i problemi che possono verificarsi in cucina esiste un rimedio, un semplice trucco, per consentirvi di evitare sprechi, allontanare cattivi odori ed insetti. Oggi vi spieghiamo come conservare frutta e verdura grazie ad alcuni trucchi!

Conservare frutta e verdura: 5 regole per far sì che durino più a lungo

1. Umidità: acerrima nemica di frutta e verdura

verdura frigorifero

Il modo migliore per evitare il rapido deterioramento di frutta e verdura consiste nel rivestire il cassetto del frigo con della carta da cucina (il rotolone di carta assorbente che si trova in vendita nei supermercati), questo permetterà di catturare l’umidità in eccesso, impedendo il deterioramento dei nostri prodotti.
Un altro fattore da considerare nel conservare frutta e verdura è l’impostazione della temperatura e la scelta del ripiano del frigorifero. Ma di questo vi abbiamo già nell’articolo in cui vi diciamo come conservare in frigo gli alimenti.

2. Non metteteli (tutti) in frigorifero!

Tuttavia, chi ha detto che, dopo averli acquistati, i prodotti del fruttivendolo vadano tutti in frigorifero? Esistono degli alimenti che potrebbero danneggiarsi con la refrigerazione, quindi, non andrebbero conservati in frigorifero. È il caso della frutta esotica e degli agrumi che andrebbero riposti in un luogo fresco, riparato e asciutto della cucina. Si tratta di:

  • arance
  • limoni
  • pompelmi
  • cedri
  • clementine
  • mandarini
  • lime
  • mango
  • frutto della passione
  • papaya

agrumi non vanno in frigorifero

La regola, però, non vale soltanto per la frutta. Molti vegetali, infatti, non sopportano la refrigerazione.
È il caso di:

  • fagiolini
  • cetrioli
  • zucchine
  • patate
  • basilico
  • pomodori
  • zucca

3. Farla maturare in breve tempo

Avete acquistato della frutta particolarmente acerba e volete farla maturare in breve tempo? Conservatela in un sacchetto di carta unendo anche una mela o una banana matura, per consentire all’etilene che rilasciano di accelerare in maniera significativa la maturazione.
Inoltre la carta trattiene l’umidità e la frutta non si avvizzisce durante la maturazione.

4. Acqua e ghiaccio per donare nuova croccantezza

Se volete riportare a nuova vita alcune verdure come le carote ed il sedano, donando loro la croccantezza perduta, vi basterà immergere il tutto per circa 1 ora in una ciotola con acqua ghiacciata assieme ad una fetta di patata cruda. In questo modo la temperatura e le proprietà della patata daranno nuovo vigore alle vostre verdure.

ridare croccantezza alle carote

5. L’involucro giusto per ogni prodotto

Molte verdure possono essere conservate più a lungo con semplici accorgimenti, basta infatti scegliere il giusto involucro per proteggerli. Questo permetterà ai prodotti di mantenere un aspetto (e una qualità) migliore per una durata maggiore.
I broccoli, il sedano, i peperoni verdi ed altri ortaggi, ad esempio, si conservano meglio  se avvolti nella carta per alimenti, quella comunemente utilizzata per il pane. Questi prodotti hanno infatti bisogno di “respirare” per non deteriorarsi.

I funghi, invece, non vanno mai conservati nelle buste di plastica, è meglio utilizzare quelle di carta. La plastica non lascia passare l’aria, provocando una decomposizione delle proteine per fermentazione. Abbastanza rapidamente viene constatata la produzione di calore e la formazione di sostanze tossiche.

Se cercate altri trucchi per ottimizzare il lavoro in cucina, troverete altre letture interessanti sul nostro sito: ad esempio scoprire come conservare l’insalata in estate.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Luca Sessa

Nato a Napoli, vive e lavora a Roma come analista dati per Wind. Nel 2011 ha aperto il Food Blog "Per un pugno di capperi" che, nato per essere una vetrina dei suoi piatti, è diventato un luogo di confronto tra appassionati. Il suo piatto preferito è la Torta caprese perché: amo il cioccolato ed è da sempre la torta del mio compleanno. Dice che in cucina non possono mancare la pasta, una padella ampia e la passione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata