L’estate sta finendo, il caldo se ne va e… uno degli ingredienti che maggiormente impreziosisce la nostra cucina, con il freddo perde il suo profumo. Parliamo del basilico, una garanzia di freschezza e gusto ad ogni piatto, erbetta dall’odore inconfondibile e dalle diverse proprietà nutrizionali. Ce ne sono 40 varietà, le più note sono il basilico napoletano a foglia larga, e il basilico genovese a foglia stretta. Per crescere ha bisogno di sole e calore, e il bello dell’estate è che se ne trova in quantità, fresco e profumato al mercato, ma non d’inverno. Tuttavia, per conservare il basilico con il suo aroma terapeutico insaporitore delle nostre ricette, è possibile anche d’inverno. Ecco come.

Come conservare il basilico: piccoli trucchi anti freddo

Congelare le foglie

foglie di basilico

È il sistema più semplice e pratico per conservare il basilico tutto l’anno. Basta lavare le foglie, asciugarle bene e disporle su una teglia rivestita di carta stagnola. Dopo, mettete la teglia in congelatore per circa due ore e, una volta congelate, riponetele delicatamente in un contenitore a chiusura ermetica o in un sacchetto per alimenti, per poi conservare di nuovo nel congelatore. Quando ne avrete bisogno, prelevate dal contenitore la quantità giusta e avrete un basilico profumato per insaporire i vostri piatti.

Basilico sotto sale

Anche questo metodo vi permette di conservare il basilico a lungo, e se avete una dispensa fresca e spaziosa, potrete farvi un’abbondate scorta invernale. Una volta lavate e asciugate le foglie di basilico, disponetele in vasi a strati cospargendole con sale fino. L’ultimo strato deve essere di sale, poi schiacciate con un cucchiaino, ricoprite con un filo d’olio e chiudete il vasetto. Quando ne avete bisogno, potete prelevare le foglie dal vasetto e poi richiudere avendo cura di ricoprire con un po’ d’olio. E per le vostre ricette con il basilico, ricordate di non salare ulteriormente le pietanze per evitare di eccedere.

Basilico sott’olio

basilico sott'olio

Questo trucco non solo vi permette di conservare a lungo il basilico, ma anche di preparare una base per cucinare velocemente il pesto. Lavate e asciugate il basilico per poi sistemarlo in vasetti di vetro. Cospargete il recipiente di olio extravergine d’oliva fino a sommergere completamente le foglie. Chiudete ermeticamente e riponete il barattolo in un luogo fresco e buio. Il basilico sott’olio è il metodo migliore per mantenere inalterati il colore e il profumo della pianta. Infatti, il basilico non può essere essiccato e tritato come altre erbe aromatiche poiché tende a scurirsi e perdere il sapore a contatto con l’aria.
Una volta aperto il vasetto però, ricordate di conservarlo in frigo e massimo per due settimane, altrimenti il basilico perderà il suo inebriante profumo.

Ora che sapete come conservare il basilico fresco tutto l’anno, sicuramente vi è venuta voglia di cucinare: avete visto quante idee con il basilico nel nostro ricettario? Cosa ne dite di questi meravigliosi gnocchi di patate al basilico con ragu bianco ai funghi?

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Ilaria De Lillo

Nata a Foggia, vive a lavora a Bologna. Per il Giornale del Cibo scrive di approfondimenti, eventi e scuola di cucina. Il suo piatto preferito sono le polpette al marsala di nonna Francesca, perché “più che un piatto sono un correlativo oggettivo di montaliana memoria: il profumo di casa, le chiacchiere con papà, la dolcezza di mamma che prepara da mangiare, le risate con mia sorella e i cugini. Insomma, un tripudio di ricordi ed emozioni a tavola”. Per lei in cucina non possono mancare gli ospiti, “altrimenti per chi cucino?”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata