Ho avuto già modo di raccontarvi dei miei viaggi vegetariani e di proporvi alcuni utili e pratici consigli per mangiare senza incappare in spiacevoli sorprese, per risparmiare tempo nella ricerca di ristoranti vegani e vegetariani oppure locali vegani o vegan-friendly e in generale per far sì che la propria scelta alimentare non costituisca un problema o una perdita di tempo e soldi. 

A prescindere dall’essere più o meno preparati per viaggiare all’estero resta il fatto che in alcuni paesi europei sia obiettivamente più o meno facile trovare soluzioni e piatti che rendano meno problematiche le nostre vacanze vegan e vegetariane: molto dipende chiaramente dalla cucina e dalle usanze locali, dalla presenza dei turisti (fattore che spesso fa davvero la differenza), dal modo di pensare degli abitanti e la loro conoscenza degli stili alimentari privi di prodotti animali. Spesso non è neppure la grandezza della città a fare la differenza ma la presenza o meno di vegetariani locali e, appunto, di turisti stranieri.

Per la felicità di vegetariani e vegani sono tante le città vegan-friendly europee: tra queste ne ho scelte cinque, quelle con una più ampia offerta e scelta di servizi, piatti e locali vegetariani o vegan-friendly. Ho avuto il piacere di visitarle quasi tutte e non posso nascondere la gioia di sentirmi una “turista normale” che scopre la città e la cucina locale senza un’organizzazione preliminare, con la serenità di imbattermi in menù ricchi di proposte vegetariane e vegane: quella “V” accanto ai nomi dei piatti che mi da la tranquillità di ordinare velocemente, senza dover scorrere tutto il menù e senza imbattermi in spiacevoli sorprese.
Ecco allora una selezione delle 5 città europee perfette per il vostro stile di vita alimentare, sia che la vostra sia una dieta vegana che vegetariana:

Città Vegan Friendly: la nostra top 5

1. Berlino

Come vi ho già raccontato nell’articolo sulle curiosità su vegani e vegetariani Berlino è la città più vegan-friendly d’Europa. Un vero paradiso per vegetariani e vegani: i ristoranti elencati sul sito di Happy Cow sono tantissimi, talmente tanti da trovarsi a 3 miglia di distanza l’uno dall’altro e tutti agevolmente raggiungibili in metro o in bicicletta. Inoltre quasi tutti i ristoranti, pub e cafè della città hanno qualche opzione vegana o vegetariana messa in evidenza sul proprio menù. Oltre alla grande offerta presente va segnalata anche la diversità e originalità dell’offerta: piatti tipici di tantissimi altri paesi europei rivisitati in chiave veggy ma anche paninoteche, mercatini, ristoranti per tutti i gusti e di tutti i prezzi, piatti ricchi, gustosi e spesso biologici, cucinati perlopiù con prodotti di stagione e a km e accompagnati da bevande e vini vegan, senza solfiti e additivi. 

Città Vegan Friendly

2. Londra

Londra ha da tanti anni il primato di città vegan-friendly, e un altissimo numero di abitanti vegetariani e vegani. Da grande metropoli turistica quale è offre, come Berlino, una ampissima scelta in fatto di prodotti, locali e ristoranti vegan-friendly: si va dal piccolo locale a conduzione familiare al take away, dai ristoranti a buffet a quelli sofisticati e di lusso. Su Happy Cow oltre 400 locali vegan e vegan-friendly, un numero davvero impressionante.

3. Glasgow

Nonostante la fama di “città poco salutista” Glasgow vi stupirà per il suo lato vegan-friendly, così come la Scozia in generale. Tantissime le proposte vegan e le rivisitazioni vegane e vegetariane di piatti tipici, tra cui quella del celebre “Haggis”, piatto tradizionale scozzese a base di interiora di pecora, servita non solo nei ristoranti ma in quasi tutti i pub. Non è un caso che la città sia consigliata dagli animalisti della PETA come una delle migliori mete di viaggio in Europa e che in città ci sia uno dei ristoranti vegetariani più consigliati d’Europa, il il Mono Cafe Bar.

Città Vegan Friendly

4. Praga

Sebbene la cucina locale sia tuttaltro che vegetariana l’offerta di piatti e locali vegan-frindly è altissima e di qualità. Anche qui la legenda sui menù, tanto dei ristoranti quanto di pub e birrerie, semplifica la vita e riduce i tempi di ordinazione, segnalando piatti per vegani, per vegetariani e per celiaci.
Il grande vantaggio, rispetto alle altre città citate, sono certamente i prezzi: con costi davvero irrisori è possibile concedersi una ricca e golosa cena vegetariana o vegana, accompagnata da un’ottima birra locale. 

5. Amsterdam

Non poteva mancare Amsterdam, città ambientalista e dal grande numero di abitanti vegetariani e vegani. Basti pensare che l’Olanda, insieme alla Germana, è stato il primo paese europeo ad aprire una catena di fast food vegetariani: per la precisione risale al 1999 l’apertura ad Amsterdam del primo “Maoz Vegetarian”, noto fast food vegetariano semplice ma con piatti salutari e golosi. La vita a impatto zero della città ben si sposa quindi a una alimentazione non solo ricca e variegata per tutti i gusti ma anche a scelte alimentari che privilegino prodotti locali e biologici, molti dei quali appunto vegetariani o con alternativa veggy disponibile. Da evidenziare che spesso le proposte vegan-friendly hanno un ottimo rapporto qualità-prezzo.

E voi, siete alla ricerca di festival vegani e vegetariani? Quali mete europee vegan-friendly consigliate? E quali sono le vostre esperienze di “viaggi veggy” in queste o in altre città europee?

CHI AMA IL CIBO AMA CONDIVIDERE

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Ivana De Innocentis

E'Nata,vive e lavora a Roma. Per "Il Giornale del Cibo" segue le rubriche Cibo & Cultura e Food 2.0Il suo piatto preferito sono le fettuccine ai funghi porcini o un classico abbinamento pizza & birra. Alla domanda cosa non può mancare in cucina, risponde "spezie, verdure e creatività".

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata